12 Maggio 2017 “TRA DUE FUOCHI”

SPETTACOLO TEATRALE 12 Maggio 2016, Auditorium Comunale di TRAVESIO, “TRA DUE FUOCHI”  Compagnia Arti e Mestieri.20.30 Presentazine dei video prodotti dai ragazzi nei laboratori

20.45 Spettacolo teatrale “TRA DUE FUOCHI”

egia e testi di Bruna Braidotti con Arianna Addonizio, Alex Campagner, Sonia Cossettini, Paolo Mutti, Enrica Schittar, Luca Zanetti.

Ragazzi in guerra 1914/1918 Un gruppo di attori si cimenta nella messa in scena dell’epopea della prima guerra mondiale, vestendo i panni dei protagonisti di cent’anni fa. Il percorso storico segue battaglie e vicende della guerra, in un allestimento originale e vivace, fra tecniche di narrazione, canti corali ed azioni teatrali. Soldati, crocerossine, alpini, ufficiali, portatrici carniche sui fronti della prima guerra mondiale dall’Adriatico al Carso alle Dolomiti, alla Carnia, fino a Caporetto e al Piave. Lo spettacolo inizia con Mussolini irredentista che incita alla partecipazione alla guerra e prosegue a raccontare gli eventi dal 14 al 18 attraverso diversi personaggi e situazioni belliche : la madre di Riccardo Giusto , il primo caduto, un soldato in trincea sul Carso , la crocerossina degli ospedali nelle retrovie a San Giorgio di Nogaro , gli alpini e i soldati austriaci sul fronte dolomitico nelle battaglie delle mine, la spia italiana Luisa Zeni che aveva avvertito, non creduta, della Strafexpedition, un soldato autolesionista, i matti di guerra, le portatrici carniche, le prostitute delle numerose case di tolleranza a Udine, i fatti di fratellanza sul fronte carnico, le esecuzioni sommarie, la battaglia di Caporetto e la fuga dal Friuli, il soldato donna Marie von Hauler sul fronte del Piave dalla parte austriaca e la battaglia sul Piave nell’autunno del ’18. I racconti che fanno progredire il percorso cronologico sono inframezzati dai dati che contestualizzano il momento storico, la consistenza degli armamenti, la situazione internazionale, la produzione industriale, la situazione del nostro paese in quegli anni con l’accenno a quello

che avrebbe riservato poi la storia nei decenni successivi all’Italia : una serie di dati non casuali che rivelano gli interessi di guerra , gli interessi superiori per cui si mandarono al massacro gli uomini.

Tutto lo spettacolo è accompagnato dal canto corale degli attori stessi dei motivi tipici e caratteristici del periodo bello che compongono la colonna sonora delle vicende che si susseguono sul palco.  La storia della Grande Guerra si intreccia alle vicende umane di donne e uomini , creando un unicum che racconta i fatti bellici, ma anche la vita di chi aveva la guerra in casa, e si ricompone un racconto che se pur complesso ritrova un suo filo conduttore nella sofferenza estrema che patirono i nostri progenitori in quelle vicende che sebbene lontane cent’anni sono ancora vive nella memoria collettiva

 

Commenti chiusi